NICOLA DI MATTEO: STRUMENTI E PROCEDURE PIU’ ADEGUATE PER TUTELARE LA VITA DELLE FORZE DELL’ORDINE

ROMA, 28 LUGLIO – “La tragica morte del collega carabiniere Mario Cerciello Reda sia occasione per riconsiderare l’efficacia degli strumenti e delle procedure a disposizione delle forze dell’ordine nel contrasto alla criminalità”, questa l’affermazione del Coordinatore Nazionale del Popolo della Famiglia, Nicola Di Matteo, dopo aver atteso che sul caso fosse fatta la necessaria chiarezza. “Siamo vicini alla famiglia del vicebrigadiere accoltellato a morte ed all’Arma dei Carabinieri, in questo momento di profondo dolore. Come rappresentante politico del Popolo della Famiglia ed inoltre in qualità di vice segretario provinciale del MOSAP – prosegue Di Matteo -, sento il dovere di stimolare il Parlamento ad una riflessione su questo caso tragico che ha mostrato i limiti dell’attuale situazione delle forze dell’ordine.” “Sono contrario all’uso delle armi ed all’uso della forza in genere, ma è sacrosanto che i tutori dell’ordine possano difendersi con tutti i mezzi, ovviamente proporzionati, se attaccati.”, conclude Di Matteo, augurandosi che “questo tragico episodio avvii una nuova stagione Leggi tutto…

DOCENTI ITALIANI ALLA SCUOLA DI BIBBIANO. DI MATTEO (PDF): “IL MIUR CHIARISCA E INTERVENGA.”

Da giorni imperversano le sollecitazioni affinché si faccia – giustamente – luce sui fatti di Bibbiano e sul relativo coinvolgimento dell’associazione Hansel e Gretel, si è anche posto – giustamente – l’accento sui connotati ideologici che sono alla base di tale operazione e sugli intrecci con il mondo LGBT. Il tutto è stato anche sistematicamente enfatizzato e cavalcato in modo strumentale allo scopo di sferrare un attacco politico al sindaco piddino implicato nella vicenda e in ciò coinvolgere tutto il partito. Sarebbe quindi comico, se non fosse grave e preoccupante, il fatto che proprio chi ha sferrato l’attacco alla sinistra degli “orchi” di Bibbiano, quegli orchi li avesse in casa; è infatti emerso che l’associazione Hansel e Gretel facesse parte degli enti accreditati dal MIUR per la formazione del personale docente. Se quindi è stato – giustamente – subito puntato il dito sul meccanismo degli affidi, sui servizi sociali e sono stati invocati controlli e riforme di tutto il sistema, Leggi tutto…

FRANCIA, CASO LAMBERT: DI MATTEO (PDF): “RIPRISTINATA PENA DI MORTE”

“Condannare un disabile, così come chiunque altro, a morire di fame e di sete è un atto incivile e barbaro, mentre le tv e i media continuano falsamente a parlare di spine staccate e cure sospese”. E’ quanto ha dichiarato Nicola Di Matteo, coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia, in riferimento all’annuncio dell’imminente avvio della procedura per interrompere i trattamenti a Vincent Lambert, ricoverato presso l’ospedale Chu Sèbastopol di Reims in Francia. “Almeno ai tempi della ghigliottina la morte era veloce e indolore”, ha continuato Di Matteo, “nemmeno al peggiore dei delinquenti si augurerebbe di morire di fame e di sete. E Vincent non ha alcuna colpa se non quella di essere un peso e un costo per lo Stato. Il prossimo 24 settembre, anche in Italia la Cassazione deciderà se depenalizzare o no l’articolo 580 del codice penale, nel quale si contempla il reato di istigazione o aiuto al suicidio. Invito a questo proposito i parlamentari che si definiscono Leggi tutto…

Nicola di Matteo esprime la più profonda gratitudine …

Cari amici Vorrei esprimere la mia profonda gratitudine ad ogni singolo cittadino che ieri in cabina elettorale ha dato fiducia a me, ai nostri candidati e al nostro simbolo. Il dato medio nazionale non è ovviamente rappresentativo dei risultati ottenuti localmente dove il PDF è già ben radicato nel territorio – come nel caso di Gela che ha superato l’ 8% – che danno la misura delle reali potenzialità della nostra proposta politica. Un dato incoraggiante riguarda in generale la performance nella circoscrizione dell’Italia insulare, per la quale sono stato il candidato capolista e nella quale si è raggiunta la più alta percentuale di voti per la lista del Popolo della Famiglia – Alleanza Popolare. Ed è per difendere ogni singolo voto che mi è stato dato con generosità e convinta adesione al progetto politico del Popolo della Famiglia che il mio impegno proseguirà con determinazione, per dare voce a questo popolo di cui faccio orgogliosamente parte. GRAZIE a voi Leggi tutto…

Chiusura della campagna elettorale del Popolo della Famiglia Sicilia. Di Matteo: “In Europa per il cambiamento e la rinascita in Sicilia”.

Chiusura della campagna elettorale del Popolo della Famiglia Sicilia. Di Matteo: “In Europa per il cambiamento e la rinascita in Sicilia”. Si terrà a Caltanissetta, venerdì 24 maggio presso Hotel Ventura alle ore 19:00, la manifestazione a chiusura della campagna elettorale del Popolo della Famiglia per le Elezioni Europee del 26 maggio. Interverranno il Coordinatore Nazionale e candidato capolista per la circoscrizione dell’Italia insulare Nicola di Matteo e i candidati siciliani Fabio Nalbone, Elena Di Pietra, Eleonora Pagano, Giovan Battista Montemaggiore e Salvatore Anello, a conclusione della intensa attività di campagna elettorale sul territorio che ha visto i militanti dei circoli siciliani impegnati anche nella raccolta firme per il Reddito di Maternità e nelle elezioni Amministrative al comune di Gela. “Le numerose firme raccolte per la nostra proposta di legge del Reddito di Maternità e la vittoria riportata alle amministrative di Gela sono il segno concreto e tangibile del consenso che la proposta politica del Popolo della Famiglia incontra nel Leggi tutto…

Europee | Nicola Di Matteo (Popolo della Famiglia): “La famiglia è un’opportunità che dobbiamo curare, proteggere e accompagnare partendo proprio dall’Europa”

I cristiani sono ritornati in politica attivamente. Lo stanno facendo con il Popolo della Famiglia, il movimento fondato tre anni fa per dare rappresentanza alle istanze provenienti dai Family Day, organizzati a Roma nel 2015 e nel 2016. Il partito, la cui guida è affidata al giornalista e blogger Mario Adinolfi, si definisce aconfessionale, ma di ispirazione cristiana, che fa della Dottrina sociale della Chiesa il proprio manifesto valoriale. Il Popolo della Famiglia, non avendo legami con alcuna particolare confessione religiosa, perciò, si dichiara «aperto al contributo di tutte le persone di buona volontà disponibili a battersi per la vita, per la famiglia naturale, per i disabili e gli anziani, per i più deboli, contro la cultura della morte e dello scarto». Idee e valori che sono confluiti in tre principi che il movimento ritiene non negoziabili come la tutela della vita dal concepimento fino alla morte naturale, il sostegno alla famiglia naturale fondata sul matrimonio tra un uomo e una Leggi tutto…

Nicola di Matteo: Una giornata di incontri per ricordare che siamo chiamati ad essere operatori del vero cambiamento

19 maggio 2019 – 6 giorni all’elezioni Europee Si lavora per la buona battaglia con entusiasmo e voglia di fare e di dare. Sono partito presto da Roma, preso un aereo e a Catania con dirigenti e attivisti abbiamo presentato il nostro programma. Una giornata intensa con Paolo Zerbo, Gaetano Strano e Salvatore Asero, tutto il pomeriggio a fare volantinaggio per le strade principali di Catania. Una giornata di incontri per ricordare che siamo chiamati ad essere operatori del vero cambiamento, oggi più che mai, dato che saremo presenti con il nostro simbolo alle elezioni europee del 26 maggio. Noi siamo e continuiamo a fare la vera differenza. Noi ci siamo! #cataniail26maggiovotapdf

Sei domande a Nicola di Matteo

Le elezioni europee si avvicinano a grandi passi ed è il momento di unirsi per cambiare l’Italia partendo proprio dal migliorare l’Europa. Sono molte le domande che i nostri lettori, ma anche le persone che si incontrano quotidianamente ci pongono. Per dissipare dubbi ed ottenere risposte esaurienti le abbiamo girate a Nicola Di Matteo che si candida per il Popolo della Famiglia in Europa. 6 semplici domande che chiariranno le idee a molti! 1) Come risolvere il problema delle ONG e delle loro navi? “Nel programma che abbiamo stilato per le Europee sosteniamo che serve più democrazia: un presidente della Commissione eletto direttamente dal popolo con tutta la Commissione, più poteri al Parlamento europeo, una governance europea che vada dalla politica estera comune all’esercito continentale, senza sfuggire alla questione centrale dell’immigrazione che potrà essere affrontata solo stracciando il trattato di Dublino. Come dice Papa Francesco, una immigrazione sostenibile è la sola che l’Europa può permettersi e l’Italia non può essere Leggi tutto…